SC23_M29_0869
SC23_M29_0869

V.I.Lenin (1870-1924), la vecchia Pietroburgo-Pietrogrado (Piter) porta il suo nome dal 1924

press to zoom
SC23_M29_0870
SC23_M29_0870

il palazzo di Smolny, edificio storico di rinomanza mondiale e simbolo di Leningrado, qui fu il quartier generale della rivoluzione d'ottobre

press to zoom
SC23_M29_0871
SC23_M29_0871

Palazzo di Smolny, sala degli atti; divenuta nota per la proclamazione del potere sovietico fatta da Lenin durante il 2 congresso dei Soviet

press to zoom
SC23_M29_0872
SC23_M29_0872

3 vecchi combattenti d'ottobre si ritrovano nella camera di Lenin nel palazzo di Smolny

press to zoom
SC23_M29_0873
SC23_M29_0873

Piazza Dvortsovaja

press to zoom
SC23_M29_0874
SC23_M29_0874

Piazza dei decabristi e monumento equestre a Pietro I, fondatore di Pietroburgo

press to zoom
SC23_M29_0875
SC23_M29_0875

Notte bianca sulla Neva

press to zoom
SC23_M29_0876
SC23_M29_0876

Il canale Griboedov

press to zoom
SC23_M29_0877
SC23_M29_0877

Veduta notturna della cattedrale di S. Isacco ( Isaackievskaja)

press to zoom
SC23_M29_0878
SC23_M29_0878

Veduta della prospettiva Nievskj

press to zoom
SC23_M29_0879
SC23_M29_0879

Il Palazzo di Marmo, una delle meraviglie di Leningrado, filiale del museo centrale dedicato a Lenin

press to zoom
SC23_M29_0880
SC23_M29_0880

Vladimir Ulianov Lenin, all'età di 20 anni. Toccò per la prima volta il suolo di Pietroburgo nell'autunno 1890

press to zoom
SC23_M29_0881
SC23_M29_0881

Una targa commemorativa è stata posta aul muro dell'università di Leningrado dove V-I- sostenne gli esami di ingresso alla facoltà giuridica

press to zoom
SC23_M29_0882
SC23_M29_0882

"V.I. Ulianov (Lenin) durante gli esami all'Università" opera di V. Orechnikov

press to zoom
SC23_M29_0883
SC23_M29_0883

"Il primo tratto" da un dipinto di F. Goloubkov

press to zoom
SC23_M29_0884
SC23_M29_0884

facciata della biblioteca di Stato M. E. Saltykov- Chtchédrine, tra le più importanti di russia che Lenin frequentò assiduamente dal 1893 al 1895, non solo per motivi di studio, ma anche di incontro con i suoi compagni di lotta

press to zoom
SC23_M29_0885
SC23_M29_0885

Veduta della sezione scientifica della biblioteca statale

press to zoom
SC23_M29_0886
SC23_M29_0886

Monumento a Lenin di fronte all'Istiruti di Tecnologia dove Lenin si riunì più volte con i suoi compagni

press to zoom
SC23_M29_0887
SC23_M29_0887

Lenin pronuncia il suo discorso su un blindato, dal dipinto di I. Toidze

press to zoom
SC23_M29_0888
SC23_M29_0888

Un monumento al capo della rivoluzione si profila ai nostri giorni su questa piazza che porta il nome di Lenin

press to zoom
SC23_M29_0889
SC23_M29_0889

Il blindato storico, preziosa reliquia leniniana, mostra la sua sagoma all'ingresso della filiale del Museo Centrale Lenin. Dall'alto di questa tribuna Lenin pronuncia il suo celebre discorso "Viva la rivoluzione socialista!"

press to zoom
SC23_M29_0890
SC23_M29_0890

Lenin tiene un discorso nella Sala delle colonne

press to zoom
SC23_M29_0891
SC23_M29_0891

Visitatori all'ingresso della casa-museo dove visse Lenin, appartamento 24, dall'aprile del 1917 al luglio del 1918

press to zoom
SC23_M29_0892
SC23_M29_0892

Più di 20mila lavoratori si sono riuniti il 12 maggio 1917 nella fabbrica Poutilovski, Leni pronunciò davantu agli operai un ardente discorso in cui denunciava la sostanza imperialista della guerra

press to zoom
SC23_M29_0893
SC23_M29_0893

Monumento a Lenin è stato eretto sul terreno della fabbrica Kirov (ex Poutilovski) in ricordo dell'incontro con il capo della Rivoluzione

press to zoom
SC23_M29_0894
SC23_M29_0894

La fabbrica Kirov, oggi, è una delle imprese più importanti della città di Lenin e vi è personale altamente specializzato dell'industria meccanica

press to zoom
SC23_M29_0895
SC23_M29_0895

La fiamma etewrna è stata accesa sulla fossa comune dove riposano gli eroi della Rivoluzione, al centro del campo di Marte

press to zoom
SC23_M29_0896
SC23_M29_0896

la stanza di Lenin nell'appartamento dell'operaio S. Allilouev in via Rojdestvnskaja (oggi Decimo Sovietskaja) dove Lenin trovò asilo dalla persecuzione del governo antirovoluzionario nel luglio 1917, la stanza è stata conservata fino ad oggi

press to zoom